Le proposte natalizie dei progetti


Le proposte natalizie dei progetti

23 Novembre 2020

Foto di monicore da Pixabay
Foto di monicore da Pixabay

Quest’anno il Natale ha sicuramente un sapore diverso. L’emergenza sanitaria ha purtroppo trasformato anche questo momento di gioia e festa, tradizionalmente dedicato alle famiglie e allo stare insieme.

I progetti sostenuti dalla Fondazione hanno però continuato a lavorare per proporre delle idee originali che possano ricordarci in qualche modo che, nonostante le regole e le restrizioni che è fondamentale seguire con serietà e il fatto che sarà purtroppo un Natale differente da quelli a cui siamo abituati, è pur sempre festa!

Prodotti buoni, “giusti” e, ancor più quest’anno, simbolo di resilienza! In un momento così difficile anche per le organizzazioni di terzo settore, la scelta di acquistarli può essere un aiuto fondamentale per proseguire nelle tante attività a fianco delle persone più fragili.

Cibo, capi di abbigliamento, accessori e altre idee…..ecco di seguito le proposte natalizie!

La Cooperativa Sociale Altereco, impegnata nel progetto “Il fresco profumo della libertà”,  propone il pacco “Sapori di Giustizia”. Confettura di uva, succo di melagrana, confettura di ciliegie, passata di pomodoro biologico, melanzane e zucchine grigliate sott’olio, paté di cime di rapa. Due tipologie di “pacco” trra cui scegliere, per dare al Natale un gusto diverso, un sapore di legalità, di giustizia, di antimafia sociale. Perché sono tutti prodotti realizzati sui terreni di “Terra Aut”sui beni confiscati a Giuseppe Mastrangelo, uno dei boss più influenti della criminalità organizzata cerignolana (provincia di Foggia) – con il coinvolgimento di persone in difficoltà. Per info e prenotazioni [email protected] – 340.2437226.

Nadia, Noemi e Renata sono invece i nomi delle “Piccole Ceste Combattenti”, per ricordare alcune donne vittime di violenza. Tre possibili cofanetti tra cui scegliere, con cestino – realizzato con tessuto di riciclo dalle donne del Carcere Pagliarelli di Palermo nell’ambito delle iniziative della Sartoria Sociale –  e prodotti biologici dolci e salati preparati dalle Cuoche Combattenti, un progetto di imprenditoria sociale che ha come obiettivo l’emancipazione economica delle donne vittime di violenza di genere. E’ possibile acquistarle su questo sito: https://sartoriasociale.com/ceste-combattenti/

Tra le proposte della Sartoria Sociale c’è anche il Calendario 2021, accompagnato dallo slogan “Il Bene Comune siamo noi” e dedicato ai valori positivi e a chi che li promuove per consegnarci una società più bella, gioiosa e inclusiva. Ogni mese è dedicato a una parola densa di significato, e rappresentato da una persona che è riuscita a trasferire il senso di quella parola nel suo impegno quotidiano.

“Cerignola, terra di banditi!”: da questo luogo comune nasce la provocazione della cooperativa sociale Pietra di Scarto, impegnata nel progetto “Ciascuno cresce solo se sognato”. Per questo Natale ha preparato infatti il “Pacco dei banditi”, giocando sul doppio significato della parola “bandito”, che vuol dire “criminale, ladro”, ma anche “messo al bando, lasciato ai margini, ghettizzato”. Nel pacco troverete Olive Bella di Cerignola DOP, Patè, Pomodori Semi-dry e Datterini al naturale coltivati da persone in difficoltà su un bene confiscato a Cerignola (Fg). E’ possibile acquistarlo su questo sito https://www.pietradiscarto.it/il-pacco-dei-banditi/

Torna anche quest’anno il tradizionale Pacco alla camorra: un pacco-dono di prodotti agroalimentari realizzati sui beni confiscati alla camorra, attraverso l’inserimento lavorativo di persone in condizione di difficoltà. E’ il racconto di una crescita civile del territorio, fondata sulla creazione di economia sociale come antidoto all’economia criminale e speculativa. Questa edizione – oltre ai prodotti alimentari come pasta, olio, vino, panettoni, torroni – si arricchisce delle storie de “il Commissario Mascherpa”, protagonista di una serie a fumetti pubblicata sulle pagine di Poliziamoderna, mensile ufficiale della Polizia di Stato. Il Pacco alla Camorra è promosso dal consorzio N.C.O. Nuova Cooperazione Organizzata, in collaborazione con il comitato don Peppe Diana, Libera Associazioni nomi e numeri contro le mafie e Cittadinanzattiva. Per info e acquisti www.ncocommercio.com.

Gioosto , lo store online multibrand nato grazie al progetto “Next Social Commerce”, ha tantissime proposte, con una sezione dedicata proprio ai regali solidali per Natale ma anche la possibilità di acquistare gift card. Troverete davvero di tutto: prodotti di agricoltura sociale e bio, moda etica, biocosmesi e molto altro.  Il tutto realizzato da produttori accomunati da ambiziosi e innovativi progetti sociali e ambientali. Ecco il sito https://www.gioosto.com/

Shopper, penne, calendari, borracce, capi di abbigliamento e mascherine: questa la proposta natalizia della cooperativa sociale Litografi Vesuviani, impegnata nel progetto “Mai più dentro”. Sulla pagina Facebook è possibile vedere le proposte. Per info [email protected]081.476555

E anche quest’anno torna “Volìo”! Le olive raccolte sui terreni di Chieuti (Fg) si sono trasformate nell’olio extravergine d’oliva dal gusto dell’inclusione sociale e lavorativa, nell’ambito del progetto “Hopeificio”. L’iniziativa ha l’obiettivo di rafforzare l’offerta di servizi rivolti a persone con disabilità psichica e contrastare lo stigma nei confronti di quanti affetti da questa forma di disagio.
Chi è interessato all’acquisto dell’olio “Volío” può contattare il 334.9412407 o scrivere una mail a [email protected].

Le proposte di “Cotti in fragranza” – il laboratorio di prodotti da forno nel carcere minorile di Malaspina a Palermo sostenuto con il progetto “Svolta all’Albergheria” – sono “duci”, dolci! Box di frollini agli agrumi, snack alle erbe aromatiche, panettoni, dolci tipici siciliani: ce n’è per tutti i gusti! Per fare il vostro ordine visitate il sito https://cottiinfragranza.com/

“Buoni e belli” è la proposta del progetto “Utilità Marginale”. In un unico pacco-dono i prodotti di agricoltura sociale e i manufatti artistici realizzati dagli artisti del “laboratorio creativo Div.ergo”, esperienza vincitrice del premio per l’innovazione nell’economia sociale “Angelo Ferro”, edizione 2020. Sott’oli, prodotti da forno, farine, insieme a coppe in porcellana decorate a mano: è possibile scegliere tra diverse soluzioni. I cesti sono disponibili sul sito shop.divergo.org. Entrambi i progetti, promossi dalla Fondazione Div.ergo-ONLUS, consentono l’inclusione sociale, culturale e lavorativa di giovani e adulti con disabilità intellettiva.

, ,